Chi è online


TooltipMarini
Tooltipas9107
Tooltiproberto.cos
TooltipContemax
TooltipParapendioRoma
Favola libro-cuore pulcina
Scritto da Fuffi   

Fuffi

Vi era una volta un pulcino. esso pulcino, da appena che narque, vi era stato percosso subito subito e già pensava "cominciamo bene, e ancora non sono diventato pollo commestibile". fu così che esso pulcino, che per brevità chiameremo "pulcino" ma senza " sempre sempre che alla lunga le " stancano e quindi solo pulcino con le " sottintese, si ebbe a trovarsi sempre buastonato. in realtà vi si trattava di buastonate affin dibbene, gli si dicevano i buastonatori. "vedrai che carattere forte che ti verrà col dai e dai di buastonate". "sarà -pensava il pulcino per quel poco spazio che le buastonate permiettevano- ma anche un pò rilassato indisciplinato mi andava bene lo istesso". fu così che forte forte di calli e carattere calloso si ebbero ad avvicinarcisi le giornate della festosa termica.

 

la festosa termica era una specie di giostra, tipo quella immemore smemorata lei ma non noi dei "calci-in-culo". ma al contrario dello smemorzato giostrare, i calci in culo proseguivano costone dopo costone fino a che il partecipatore alla festa si arrendeva recitando la formula tramandata dagli avi "vabbè i calci in culo, ma ho finito le chiappe da calciare, me ne vò giù prima che si passi a quelli sulle gengive". Così recitarono gli avi, augh.

 

Molti circoli di termicatori di calci in culo si erano praparati alla festosa termica per vincere l'ambito premio della borsa di ghiaccio secco secco quasi smilzo alleviatore di calli chiappici. la festosa termica durò giorni eggiorni, tutti si buttarono nella mischia a prendere regolari calci in culo.

il povero pulcino, che era ormai avvezzo a prendere buastonate, pensò che in fondo, tanto per variare la dieta, poteva anche periziarsi di assumere calci in culo termici. il pulcino fece il possibile che poteva. Ed alla fine finissima si udì, udite udite, che la classifica fu pronta. Una tavola di marmo, con sapore poco poco da comandamento, aveva scolpiti i responsi classifici dei cleb. In ordine dal diecimo insù:

10- geo & geo chiavichez

9- v.l. monte bianco cheppiù bianco non si può neanche col candeggio

8- v.l. vco ambarabà ciccì coccò

7- paradelta cleb gran bel pezzo di sasso taglia abbondante

6- sicilia v.l. miiinghia

5- vulevù cusciè avec muà

4- v.l. piossasco ma prima oppoi solasco

3- save the termals but even the pandas, what a cazz.

2- parapendio le caruccette ma addirittura streghe non esageriamo.

Quando il pulcino si apprestò a leggere chi vi ci fosse al numero uno, namber uan per chi chiama da fuori di testa, ebbe qualche problema di vista dato che esso numero uan era alto alto e non si discerneva ben bene. Allora il pulcino chiamò il suo vecchio amico del cleb v.l. giraffe col culo pesante, che si trovava in fondo alla lista dei cleb partecipanti. "giraffòn, tu che sei alto alto ma col culo pesante che poco ti agevolò nel volo, mi dici please che vi ci è scritto al namber uan?" sussurrò il pulcino con umiltà curiosa.

Il giraffòn culòn lesse con attenzion e si chinò verso il pulcino. Con calma, in modo che fosse ben udibile e chiaro pronunciò il nome del cleb namber uan al pulcino.

quella sera il pulcino tornò accasa molto ma molto contento...

Commenti (1)
1 Venerdì 25 Gennaio 2013 18:59
g.[cubo]
Fuffetto, ma te sei uno di quelli che da piccolo gli amici per farci uno simpatico ischerzo dicevano "vuoi sentire i Doors?"...e BAMM! Ti sbattevano una portata direttamente sul setto nasale.