Chi è online


Tooltiptoni
Tooltipmassimo rongoni
Tooltipvevuvi
Tooltipas9107
Le precedenze!
Scritto da coccio   
Ciao,
è da tanto che voglio pubblicare un articolo che illustri chiaramente le precedenze in volo, ma un po' per pigrizia, un po' per mancanza di tempo, non l'ho mai fatto, pur ritenendo la conoscenza della materia importantissima per ogni volatore.Visitando il sito degli amici abruzzesi www.vololibero.abruzzo.it , ho trovato lo spunto e voilà, con un bel copia/incolla da www.manualedivololibero.com/leggi/leggi01.asp eccovi come sono regolate le precedenze in volo, leggete e memorizzate bene. In pratica non ho fatto una mazza, ma come si dice...minimo sforzo massimo risultato!

PRECEDENZE

La perfetta conoscenza delle regole di precedenza è un requisito fondamentale per la propria sicurezza e, soprattutto, per quella degli altri: diciamo soprattutto perchè pagare per un proprio errore è diverso (e forse più accettabile) che pagare per l'errore di un altro.

Esistono regole di precedenza fissate dal DPR 404 ed altre, ugualmente utili e da considerare ugualmente "obbligatorie", in uso presso tutte le zone di volo in Italia ed all'estero.
Per consentire una distinzione riporteremo quelle di legge in corsivo.

DECOLLO

Nei decolli da pendio ha la precedenza chi sta più in basso (e non può quindi vedere alle proprie spalle qualcuno in procinto di decollare). Prima di decollare ci si assicurerà comunque che la zona antistante e quella subito sopra siano liberi da piloti, anche già in volo. I decolli devono essere intervallati di almeno 60 secondi (sono dunque proibiti i decolli in coppia).

Non appena eseguito il decollo è necessario spostarsi dalla zona antistante per consentire agli altri piloti di decollare in sicurezza.

IN VOLO

Gli apparecchi che procedono con opposta direzione, alla stessa quota e sul medesimo asse longitudinale, devono effettuare una virata di scampo sulla propria destra, a distanza tale da non creare rischi di collisione.

Quando, come accade sovente, due apparecchi viaggiano uno verso l'altro a ridosso di un pendio o di un costone montano, quello con il pendio alla propria destra tira dritto, mentre l'altro allarga (alla sua destra) per tutti e due.

Sempre volando a ridosso di costoni o pendii è proibito superare: infatti chi vola contro costone potrà (e dovrà) girare soltanto verso valle, e se decidesse di farlo mentre noi lo stiamo sorpassando ci troveremmo entrambi in gravi difficoltà.
Quando due apparecchi convergono approssimativamente alla stessa quota verso la medesima posizione, l'apparecchio che ha l'altro sulla destra deve dare la precedenza.

In aria libera i sorpassi si faranno a destra (ed essendo in aria libera possiamo tenerci ad una ragguardevole distanza).

In termica è necessario che tutti i piloti girino nello stesso senso (in tal modo anzichè incrociarsi due volte per giro non si incroceranno mai): il primo pilota che entra in una termica determina il senso di rotazione ed ogni nuovo arrivato deve adeguarsi. Nel caso però il nuovo arrivato entri in termica più in basso di noi e, essendo distratto , cominci a girare nel senso opposto, saranno tutti i piloti al di sopra di lui a dover invertire il senso di rotazione (rimandando le pur giuste rivendicazioni a dopo l'atterraggio). Vale infatti il principio che gli scontri devono essere evitati in ogni caso, e che chi sta sotto non può vedere chi sta sopra.
È questa la regola della precedenza al più basso. Nel volo a vela invece, dove si ha buona visibilità in alto e cattiva in basso, vale il principio opposto: precedenza a chi sta sopra; se ci troviamo in volo con alianti, dunque, dovremo porre una attenzione doppia, specie se li vediamo passare più in alto di noi.

Se si giunge ad una termica già occupata, a parità di altezza, si girerà più esternamente rispetto al pilota già presente. Se invece, entrato correttamente più in basso, un pilota sale più velocemente di noi è obbligatorio allargare la nostra traiettoria permettendogli di proseguire la salita.

È inoltre vietato (oltre che stupido) volare esattamente sopra o sotto ad un altro apparecchio.

Gli apparecchi devono inoltre, in ogni caso dare la precedenza agli aeromobili, e gli apparecchi provvisti di motore debbono dare la precedenza a quelli della stessa specie che ne siano sprovvisti.

Questo 'capolavoro' del legislatore merita un paio di chiarimenti.
Primo: oltre agli uccelli le uniche cose che volano senza esser aeromobili sono gli ULM, i deltaplani, i parapendio, i paracadute e gli aviomodelli. E' dunque chiaro che tutti questi devono, in ogni caso, dare la precedenza ad aerei, alianti, elicotteri, mongolfiere (aeromobili a pieno titolo)
Secondo: cosa significhi 'stessa specie' è difficile dire (se un ULM pendolare sembra appartenere alla stessa specie dei deltaplani, un tre assi a che specie appartiene? Deve dare la precedenza ad un parapendio?).

Escludendo gli aeromobili, dunque, diremo, più semplicemente, che i mezzi motorizzati danno la precedenza agli altri.
Figura 2-2. Le precedenze in volo: vale la regola generale della precedenza a destra (come in auto), con la necessaria eccezione del volo lungo un costone. In termica, inoltre, si deve girare nello stesso senso di chi già è all'interno, ed "allargare" la traiettoria se qualcuno sale più velocemente di noi.

AVVICINAMENTO ED ATTERRAGGIO

Deltaplano e parapendio hanno notevoli differenze di efficenza, e quindi di traiettoria: una regola generale vuole che la precedenza spetti al mezzo meno efficiente (che, a parità di quota, ha minori possibilità di manovra); quindi, in linea di massima il parapendio accelererà la sua discesa, mentre il deltaplano la rallenterà. La stessa considerazione vale anche tra deltaplani o tra parapendii con diverse prestazioni.

Esiste un'unica eccezione, rappresentata dagli apparecchi per volo doppio (che stiano portando effettivamente due persone): il volo in biposto è impegnativo ed il pilota ha una doppia responsabilità gli spetta quindi una particolare attenzione e la precedenza assoluta sempre e comunque (il pilota di biposto imposterà dunque l'atterraggio ignorandovi, sapendo che sarete voi a mutare rotta, ricordatelo!)

REQUISITI PER UNA COLLISIONE

A conclusione di questa delicata sezione ricordiamo sempre che per realizzare una collisione in volo servono DUE stupidi (uno stupido solo infatti non basta se non ne trova almeno un altro disposto a collaborare). Infatti, oltre a colui che non rispetta le precedenze è necessario che sia in volo qualcuno che non si accorge che gli stanno andando addosso, a torto o a ragione. Il momento di maggior rischio coincide con i primi voli nei quali si riesce a 'star su': l'entusiasmo e la concentrazione sono tali che si è portati ad ignorare qualsiasi altra cosa.
Quando siete in volo pensate di essere un bersaglio mobile per tutti gli altri piloti, è poco ottimistico ma giustificatamente prudenziale.

Dunque, dopo aver studiato a memoria le regole sopra esposte, semplicemente evitiamo di volare troppo vicino a chiunque e impediamo agli altri di stare troppo vicino a noi; teniamo gli occhi bene aperti ispezionando continuamente l'aria alla stessa quota, guardiamo attentamente di lato prima di impostare una virata, e controlliamo a distanza anche l'unico altro eventuale apparecchio (le due collisioni più recenti sono avvenute, nella nostra zona, con pochissimi aquiloni in volo) ignorando la falsa sensazione di sicurezza che può dare un cielo 'libero'.

Ricordiamo infine che in caso di 'incontro ravvicinato' un buon urlo (a squarciagola) avviserà l'altro pilota della nostra presenza.
 
Commenti (6)
6 Mercoledì 14 Aprile 2010 10:06
fabio
Bella Coccio,
ogni tanto fa bene a tutti ripassare l'A, B, C del volo
5 Mercoledì 14 Aprile 2010 09:45
fabio
Bravo Coccio,
ogni tanto fa bene a tutti ripassare l'A,B, C del volo.
4 Lunedì 12 Aprile 2010 10:53
Mr. Autostop
Si, si tutti noi conosciamo queste regolette, ma quando sono in volo co zi America non c'e' proprio niente da fa! Giriamo tutti e due a destra e ci troviamo sempre contro.... dovremmo scrivere un paragrafo apposta! Very Happy
3 Giovedì 08 Aprile 2010 09:45
toni
Porca miseria!!!!!ecco perchè...
Io sono mancino Twisted Evil
2 Martedì 06 Aprile 2010 14:13
rinaldo
qualcuno se lo dovrebbe attaccare in camera...
1 Giovedì 01 Aprile 2010 04:27
Andrea
fa sempre bene..